SCREENING PER LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE VASCOLARI E TIROIDEE

Eventi
Data: 22 Aprile 2017 09:00 - 18:00

Luogo: via Savoia 18  |  Città: Sassari, Italia

SCREENING TIROIDE

La tiroide è una ghiandola situata davanti alla trachea che attraverso la produzione di ormoni stimola numerose funzioni del corpo. La tiroide infatti regola il metabolismo, stimola la produzione di globuli rossi, facilita la motilità intestinale e svolge altre numerose funzioni estremamente importanti per l’organismo. Le patologie tiroidee hanno un’incidenza in Sardegna di 125 casi ogni anno. Le tiroiditi autoimmuni, tra cui la più frequente tiroidite di Hashimoto, hanno una prevalenza stimata tra il 5 e il 20% nelle donne e 1-5% negli uomini e si manifestano a tutte le età, ma sono più frequenti oltre i 50 anni. L’ipertiroidismo invece colpisce circa il 2% della popolazione.

IN CHE COSA CONSISTE

Lo screening viene effettuato da un medico specialista in radiologia o endocrinologia che effettua inizialmente un’accurata anamnesi chiedendo al paziente le sue abitudini e stili di vita per l’individuazione di eventuali sintomi. In seguito si procede con l’esame ecografico, esame non invasivo e totalmente indolore nel quale viene esaminata la struttura della ghiandola e i suoi tessuti e lo specialista si accerta dell’eventuale ingrossamento della tiroide o presenza di noduli. Terminata la visita lo specialista rilascia al paziente un referto con il risultato dell’esame e l’indicazione di eventuali ulteriori esami da effettuare come ad esempio gli esami del sangue per rilevare il dosaggio degli ormoni tiroidei.

A CHI È CONSIGLIATO

In generale dovrebbero sottoporsi ad uno screening endocrinologico tutti i soggetti sani ed in particolare tutti coloro che avvertono sintomi quali aumento o calo ponderale rapido, eccessiva stanchezza, problemi di deglutizione o respiratori o nei casi già accertati attraverso gli esami del sangue di valori alterati degli ormoni tiroidei come TSH, T3 e T4. Altre condizioni che determinano ipotiroidismo sono interventi chirurgici, con asportazione parziale o totale della tiroide, e il trattamento con radioiodio dell’ipertiroidismo

 

SCREENING CAROTIDE

Le carotidi sono due arterie presenti sui lati del collo che portano il sangue al cervello. L’ostruzione di queste due arterie provoca un aumento del rischio di ictus.

IN CHE COSA CONSISTE

Lo screening viene effettuato da un medico specialista in radiologia o chirurgia vascolare che effettua inizialmente un’accurata anamnesi per individuare un’eventuale familiarità nelle patologie cardiache o altri fattori di rischio quali fumo, sedentarietà, pressione alta o obesità. In seguito si procede con l’esame ecografico, esame non invasivo e totalmente indolore nel quale emerge l’eventuale restringimento delle arterie o dilatazione. Terminata la visita lo specialista rilascia al paziente un referto con il risultato dell’esame e l’indicazione di eventuali ulteriori esami da effettuare.

A CHI È CONSIGLIATO

Dovrebbero sottoporsi allo screening tutti i soggetti sani ed in particolare tutti coloro che soffrono di pressione alta, diabete, colesterolo alto o hanno casi di ictus o altre malattie cardiache in famiglia. Preferibilmente è un esame consigliato dai 40/45 anni in su.

 

SCREENING ANEURISMA dell'AORTA

Lo screening dell’aneurisma dell’aorta addominale è una procedura molto semplice e non invasiva che consente la prevenzione di patologie invalidanti o fatali. Si tratta di una cardiopatia ad alta incidenza con circa 1.800 nuovi casi ogni anno in Italia. Per garantire l’afflusso di sangue ottimale il diametro dell’aorta deve essere di 3 cm; qualora questa risulti dilata, ma al di sotto dei 3 cm, è necessario un consulto cardiologico e bisogna tenere sotto controllo la pressione arteriosa con una certa costanza. Nei casi più gravi invece potrebbe essere necessario un intervento chirurgico.

IN CHE COSA CONSISTE

Lo screening viene effettuato da un medico specialista in radiologia o chirurgia vascolare che procede inizialmente un anamnesi per individuare un’eventuale familiarità nelle patologie cardiache o altri fattori di rischio quali fumo, sedentarietà, pressione alta o obesità. In seguito si procede con l’esame ecografico, esame non invasivo e totalmente indolore nel quale emerge un’eventuale dilatazione dell’aorta o restringimento

A CHI È CONSIGLIATO

Dovrebbero sottoporsi all’esame ecografico tutti i soggetti sani ed in particolare tutti gli uomini sani tra i 55 e i 75 anni, ma anche donne con fattori di rischio, come fumo, obesità o familiarità e i giovani sportivi. Qualora un paziente avesse un età inferiore ma rientra nei fattori di rischio può comunque farlo.

 

 

Luogo
Via Savoia, 18
07100 Sassari SS, Italia

 

Google Maps


 

Altre date


  • 22 Aprile 2017 09:00 - 18:00
 

Unisciti a noi!

Entra a far parte della Misericordia di Sassari e contribuisci a migliorare il servizio di volontariato.
Puoi anche indicare il settore che più si addice alle tue capacità.

ADERISCI ADESSO

Meteo

Questo sito utilizza i cookies per facilitarne la navigazione ed il funzionamento. Utilizzandolo si accettano le modalità attuali.